Chef

Mara Martin, cuoca straordinaria, è riuscita ad incantare il pubblico italiano e straniero ottenendo riconoscimenti a livello internazionale. Donna attiva ed energica, dedica alla sua cucina attenzioni ed amore tipico delle massaie di un tempo.

Nelle ricette e nella cucina di Mara traspare quell’intreccio magico, unico al mondo, caratteristico dell’area gastronomica del Veneto e di Venezia in particolare. Città che, per la sua storia di dominazione sui mari e per il suo essere punto d’incontro tra Oriente e Occidente, ha ereditato tradizioni e costumi di civiltà diverse, trasformando la cucina di Mara in un’arte preziosa, frutto di una speciale combinazione tra tradizione e inventiva.

L’apprendistato di Mara inizia da bambina nella cucina della nonna, dove si preparavano molti dei banchetti paesani della città natale e, nell’osservare quei movimenti, cominciò ad apprendere l’arte che un giorno verrà riconosciuta con il premio di una stella della guida Michelin.

Il segreto di Mara stà semplicemente in quei sapori “nascosti” che dovrebbero appartenere ad ogni ambiente familiare, accompagnato dal tramandarsi di tradizioni, saggezza e sfumature che ogni madre insegna ai propri figli. La passione e la dedizione al suo lavoro hanno fatto si che la cucina di Mara si sia imposta come una “Nuova Arte Gastronomica” nella Venezia di oggi. Questo perché è il risultato della grande tradizione di quella cucina italiana, in particolare di quella del Veneto, resa “universale” dai suoi richiami e dalla sua vocazione internazionale.

Oggi nel Ristorante da Fiore, un sinonimo di eleganza e tradizione, si può assaporare quello che da molto tempo è ormai considerato perduto, ovvero aromi e profumi tipici di una Venezia che rimane immutata nel tempo. Mara inizia la sua giornata preparando il pane in cucina. Fa questo ogni giorno. Spiega che preparare il pane l’aiuta a concentrarsi e allo stesso tempo la rilassa, ricevendone una forte ispirazione, come fosse un momento spirituale.